I personaggi e la storia dell’isola d’Ischia Archivi

Anche il futuro dei giornali locali è nell’autorevolezza

<!--:it-->Anche il futuro dei giornali locali  è nell’autorevolezza<!--:-->

I giornali dovranno puntare sulla “qualità” e sulla “autorevolezza” – stampa scritta e Web devono essere interdipendenti – quali prospettive per il presente ed il futuro del quotidiano locale?

“I Giornali non moriranno purché puntino sulla qualità e sulla autorevolezza e in un’epoca lontana, non so quando, sarà possibile un ritorno della carta stampata come protagonista”. Lo ha affermato Walter Isaacson, 58 anni, americano, ex direttore di “Time Magazine”, ex amministratore delegato della CNN che il Presidente degli USA, Barack Obama, ha posto alla presidenza del Broadcasting Board of Governor.

Isaacson – parlando a Roma nel corso di un meeting internazionale – ha aggiunto che “il fenomeno di Internet non è contenibile ed è destinato a forzare ogni barriera di arresto così come ad allargare a dismisura l’informazione di massa”. Ma, ha detto ancora Isaacson, il problema dell’informazione su Internet “è e resterà l’autorevolezza, la reputazione di chi scrive, la credibilità delle fonti”.

Leggi il resto dell’articolo »

Isole nella Corrente

<!--:it-->Isole nella Corrente<!--:-->

La Rassegna d’Ischia, pubblica – nel n.5 del mese di ottobre 2010, presente nelle edicole dell’isola d’Ischia – l’ampio servizio su “Ventotene, l’isola di Altiero”, a firma congiunta di Gianni Vuoso e Giuseppe Mazzella che fa seguito a quello realizzato lo scorso anno su “Ponza, l’altra Ischia”. Abbiamo in animo di proseguire l’analisi anche con un servizio su Capri ed un altro su Procida. Il metodo che ci ispira è quello di Fernand Braudel (1902 – 1985), il grande storico francese, direttore de “Les Annales”, secondo il quale la vita e il divenire dell’uomo devono essere colti dal maggior numero di punti di vista possibile: sociologia e antropologia, geografia, demografia ed economia ci permettono di vedere le diverse dimensioni dell’azione dell’uomo e delle collettività e ci consentono di costruire una storia più concreta e coerente.

Leggi il resto dell’articolo »

Il 23 Marzo

<!--:it-->Il 23 Marzo<!--:-->

Si intitola semplicemente “23 marzo” il ricordo di Domenico Di Meglio (1949-2009) che appare, come aggiunta della prefazione, nel libro “Ischia, Luci e Ombre” sullo sviluppo” – il sistema economico-sociale dell’isola d’Ischia: dall’espansione selvaggia (1970-1974) al tempo della globalizzazione (2002-2010) di Giuseppe Mazzella che sarà presentato venerdì 2 Aprile 2010, alla Biblioteca Antoniana di Ischia per iniziativa dell’Osservatorio sui fenomeni Socio-economici dell’isola d’Ischia (OS.I.S) presieduto dal dottor Franco Borgogna.
Alla tavola rotonda prenderanno parte oltre a Franco Borgogna, il giornalista Gianni Vuoso, l’avvocato Nello Mazzella, Presidente dell’Associazione per il Comune Unico dell’isola d’Ischia, il professor Francesco Luigi Rispoli, ordinario di Composizione Architettonica ed Urbana all’Università Federico II di Napoli.
L’incontro sarà coordinato dal giornalista Ciro Cenatiempo.

Leggi il resto dell’articolo »

Il Giornale che avremmo voluto fare

<!--:it-->Il Giornale che avremmo voluto fare<!--:-->

C’è una canzone; c’è un film; c’è un giornale che ogni volta che mi assale la nostalgia per quello che avrei voluto fare di più nella mia vita mi ritornano alla mente.

La canzone, l’unica mi pare che abbia inciso, è “Maintenant je sais” di Jean Gabin. Uscì alla fine degli anni ‘70 con un 45 giri e non fu mai tradotta in italiano. E’ il racconto della vita di un uomo che a 60 anni scopre di non saper nulla dopo aver detto per tutta la vita “adesso io so”. Mi riconosco in quel uomo.
Il film è “les uns et les autres” di Claude Lelouch. La storia di tutto il tormentato novecento attraverso il racconto delle vite di quattro musicisti che si ritrovano a Parigi senza conoscersi per il “Bolero” di Ravel con lo stupendo finale. E’ un film lunghissimo che ebbe scarso successo in Italia dove uscì nel 1980 con il titolo “Bolero”. Mi riconosco nel direttore d’orchestra tedesco al quale da trent’anni gli rinfacciano di aver suonato per Hitler e lui risponde: cosa posso dirle delle mie debolezze?

Leggi il resto dell’articolo »

Ischia è un sistema economico e sociale da salvaguardare

<!--:it-->Ischia è un sistema economico e sociale da salvaguardare<!--:-->

Come “incanalare la pressione storica dello sviluppo” in un’isola legalmente ipervincolata da 70 anni? Il racconto della mancata Pianificazione Territoriale dal 1962 ad oggi – Attualmente ci sono 2.993 imprese di cui 853 alberghi e ristoranti e 13 mila lavoratori iscritti al Centro per l’Impiego con 3.200 studenti delle Superiori e 500 diplomati ogni anno – Un Comune Unico per Ischia ed una “Legge Speciale” per “sanare” l’urbanizzazione realizzata ed avviare una “Programmazione Possibile” – Dopo la Macelleria Edilizia arriveranno quelle Economica e Sociale –

Leggi il resto dell’articolo »

Pagina 1 di 71234567
  • Meta