Memorial Maurizio Valenzi

<!--:it-->Memorial Maurizio Valenzi<!--:-->

Domenica 27, sempre presso l’Antica Libreria Mattera, DSC_0205c’è stato il Memorial Maurizio Valenzi, grande uomo politico di lungo corso, stimato anche dai suoi nemici politici. Egli oltre ad essere stato senatore (1953 – 1968), è stato consigliere comunale di Forio (1964 – 1970), Sindaco di Napoli (1975 – 1983), e chiuse la sua lunga carriera politica come eurodeputato (1984 – 1989). Fu nominato cittadino onorario di Forio, quando le cittadinanze erano ancora una cosa seria e sentite dalla popolazione, che in effetti ne decretava l’opportunità o meno di concederle, attraverso un tacito tam-tam molto significativo. A ricordare questa grande figura di uomo, con una considerazione piena di rispetto la presentazione di Vito Iacono, che voglio citare testualmente, talmente è bella: il ricordo di Maurizio Valenzi segna la esaltazione, ma anche un tentativo di recupero, della capacità dei nostri padri che in un tempo purtroppo andato, sapevano richiamare l’attenzione, l’affetto, la carica di umanità, di personalità, di altissimo profilo, riuscendo ad instaurare con loro un rapporto talmente intenso al punto da coinvolgerli nella vita attiva del nostro Paese. E Valenzi ne è una delle espressioni più nobili.

Molto commovente è stato l’intervento del figlio Marco, che ha una voce molto somigliante al padre, il quale ci ha ricordato una lunga serie di memorie, dell’uomo e del politico Valenzi, con un simpatico accento a quando, dopo la esperienza politica fatta a Forio sono venuti per tanti anni a villeggiare nel nostro amato paese. Toccanti sono state le testimonianze del Cap. Vito Mattera, antico fondatore e gestore per lunghi anni della Libreria omonima, e DSC_0192dove ora si svolgono questi interessantissimi incontri, una specie di staffetta tra persone che amano spassionatamente la cultura. Vito ha ricordato la sua lunga miltanza nel vecchio PCI, ed il rispetto e l’amore che ha portato per il grande uomo politico Valenzi, che seppur avesse raggiunto degli inviadiabili successi in campo nazionale, umilmente venne a fare il consigliere di opposizione in un piccolo paese, già da allora rissoso e piccolo-provinciale. Il grande storico Nino d’Ambra, sempre presente a questi seguitissimi incontri, non ha voluto far mancare il suo preziosissimo contributo pieno di aneddoti, fatti, episodi di cronaca avvenuti ormai più di trent’anni fa, mettendo anche lui in risalto la grande personalità di Maurizio Valenzi, evidenziando inoltre che lo stesso era un valente e quotato pittore, ben conosciuto non solo in campo nazionale. Altra testimonianza prestigiosa l’ha voluta portare l’ex senatore Luigi Covatta, nostro illustre compaesano, da anni nel gotha dei commentatori DSC_0223politici italiani, neo direttore di Mondoperaio, antica rivista mensile fondata da Pietro Nenni. Ci ha ricordato la figura di un uomo che ha avuto la fortuna di attraversare un secolo intero, collaborando alla risoluzione di tanti problemi, come la ricostruzione post-terremoto a Napoli, la collaborazione stretta con Togliatti, con l’attuale presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, suo grande amico e che comunque ha voluto fare in pieno il suo ruolo di consigliere di opposizione nella nostra Forio. Altra natura di uomini, con altre caratteristiche che meglio esprimevano il senso di servizio verso la collettività che li avevano eletti per rappresentare le loro istanze. Simpatico e gioviale il ricordo portato dal Presidente del consiglio comunale di Napoli, Leonardo Impegno, figlio di Berardo, grande esponente del PCI, amico di famiglia di Valenzi. Leonardo, infatti, ha ricordato tanti episodi di quando fanciullo frequentava la casa di Maurizio Valenzi. La conclusione della serata l’ha voluta fare DSC_0236Chiamparino, che ha paragonato Valenzi ai grandi intepreti della politica alta fatta da altri sindaci famosi quali Argan a Roma, Novelli a Torino, Cerofolini a Genova, Aniasi a Milano, Gambugiani a Firenze, che furono espressioni felici di una grande politica fatta di sviluppo delle politiche sociali, nate da battaglie sindacali in fabbrica, contribuendo alla costruzione di un progresso già verificatosi in altre realtà europee. In questo grande solco, Chiamparino ha voluto ricordare il grande impulso che seppe dare Valenzi a Napoli contibuendo alla estensione del piano delle periferie, ad un piano casa, dal primo welfarestate, per costruire una politica sanitaria, per riconoscere nuovi diritti, allineandosi ai punti avanzati degli altri grandi sindaci sopra citati. A noi che siamo stati testimoni oculari di queste due belle ed interessanti serate, fra amici sempre disposti ad accettare l’invito di una grande organizzatore quale si è dimostrato l’ex eurodeputato Franco Iacono, quasi ce ne dispiace che ora dobbiamo aspettare tanti altri mesi per poter assistere ad eventi di così grande profilo culturale.

A proposito dell'autore

Gerardo Calise Gerardo Calise