La ‘Ndrezzata

La ‘Ndrezzata (ascolta la registrazione del ballo Tipico ischitano)

‘Ncoppa Santu Nicola alleramente
‘a tutto ‘o munno vene tanta gente
chi cu chitarra e chi cu manduline
vanno a vedé lu sole a la matina.

scuola_folklore.jpg
‘Ncoppa Santu Nicola è ‘na bellezza ojnè
e quanno spont’ ‘o sole so’ cose ‘a stravedé.


M’aggio truvato ‘a nenna all’Epomeo
e ll’aggio ditto si vò fà ll’ammore
e m’ha risposto bella e appassionata
ma vallo a dire a lo mio genitore.

ntrezzata.jpg
‘Ncoppa Santu Nicola è ‘na bellezza ojnè
e quanno spont’ ‘o sole so’ cose ‘a stravedé.

(recitato:) “Io vengo da monte Cupo
per darvi un gran saluto.
Io vengo da Tarantiello
cu na lanza e nu spurtiello.
Noi siamo tre fratelli
tre valenti marenari:
uno si chiama Gennaro
pesca triglie e calamare
‘nato se chiama Vicienzo
e pesca senza licenza;
scusate signori miei
mio patre m’ha miso nome Pulletrone
pecché tengo sempre mmano stu bastone!
‘Na sera me trovo passanno pe’ ‘stu mare
veco ‘nu cefalo ca s’appiccecava cu ‘nu calamare.
Cu la lanza lu lanzaje
cu lu cuoppo lu cuppaje
e dinto a lu vuzzo lu menaje.
Me trovo passanno pe’ Santa Lucia
tutti me diceno: -Uh che cefalo ‘ncuscienza mia!-
‘U gabellotto rummanette ‘ncantato:
-Commo, stu cefalo accussì gruosso ‘e piscato?-
Veco nu calabrese
da tanto luntano
cu quattro ‘rane ‘mmano
vuleva fà ‘a spesa:
scusate signori miei,
io cu quatto ‘rane ce pozzo passà?
Nossignore!
Me vene ‘a bile p”a testa
metto ‘a mano ‘int”a sacca,
caccio ‘o curtiello
e dongo ‘na botta a ‘stu cappiello.
‘O cielo m’ha aiutato.
‘o cappiello ‘nun s’è sfunnato.
…Alice!… Alice!….
‘St’uocchie tuoje so’ ddoje curnice,
si saglio ‘ncoppa mammeta che me dice?
Saglie… saglie… ca sì ‘o patrone d”a casa!
Io pe’ ve fà vedé ca songo ‘nu valente marenaro,
dongo ‘o divertimiento a ‘sti signuri e me ne vaco!” (fine recitato)

Trallera trallera
tirirà llirà llallera
trallera trallera
tirirà tirirà llallera
e tirà llirà llallera
trarialill’arillallà.

Tu vide comme sfila
‘stu vuzzo ‘ncoppa all’acqua
oinè che t’aggio fatto
ca nun ce vulimmo cchiù.

La lana che ne faje
la freva te fa venire
‘nu matarazzo ‘e stoppa
cchiù ffrisco te fa sta!

‘Ntunino e Nabbulione
s’ha fatto llu ddagone
s’ha fatto llu ddaghino
‘Ntunino e Giacumino.

Uno ddoje e treja
quatto cinche seje sette e otto.

Nun saccio che vurrisse
‘nu lietto de viole
ma mò n’ è tiempo ancora
e cuntentate pe’ mò…

E mastu Raffaele
era nu capo fumatore
pe’ s’appiccià ‘na pippa
ce metteva cchiù de n’ora…

E llà llà llà
sempe chesto saje fà.
Sì mastu Raffaele
e nun te ne ‘ncaricà!

Sfacciata petentosa
ce lo dico a mammita
e cu ‘n’ata vernia ‘e sposa
e zencariello e llariulà…

‘Sta povera vicchierella
tu vide comm’è ridutte
e sotto a llaria strutte
nun pò cchiù cumparé…
Quanno me cocco ‘a sera
m’abbraccio a ‘stu cuscino
e quanno è ‘a matina
sempe penzanno a te.

Moglierema che m’è morta
era nu piezzo ‘e femmenona
teneva ‘e cosce storte
s’è vuleva addirizzà…

Pitidum tidum tindera
apitindum e apintindera

‘ndandà ‘ndandà ‘ndandera
‘ndandà ‘ndandà ‘ndandera
‘ndandà ‘ndandà ‘ndandera
aritreja aritré.

Annita fate presto
raccogli la mappata
la barca è preparata
e bisogna di partì!

‘U treia ‘u treia ‘u treia

Moglierema che m’è morta
era nu piezzo ‘e femmenona
teneva ‘e cosce storte
s”e vuleva addirizzà.

Purtualle lisce e musce
e lemoncielle pe’ scirià
si ‘a monaca jesce e trase
acquasanta piglia e vasa.

Figlia mia fa’ orazione
e peccata nun ne fà
si avisse nu buono vaglione
già facesse orazione.
Figlia mia fa’ penitenza
e peccata nun ne fà.
Padre mio, so’fiacche ‘e sense
e penitenze nun pozzo fà.
Si t’assitte ‘o scannetiello
ce schiammo ‘o libbreciello
uva e bà, uva e bà
zi’ masto mio che t’aggia fà?

Si veniva l’anno passato
teneva astipata ‘na scartellata
che puozz’essere scannata
jiuste pe’ ‘a tené astipata

‘U ttreja ‘u ttreja ‘u ttreja…

La ‘Ndrezzata Ballo tipico Ischitano
Le teorie riguardanti le origini di questa danza e la sua importazione sull’isola sono numerose. C”è chi dice, ad esempio, che è di origine greca, chi invece ne intravede le radici in Spagna. E’ noto che danze simili si ballano in Egitto, Sudan, Polonia e in diverse località Italiane: Sorrento, Arezzo, Sicilia.?Le fonti storiche disponibili sono due: un testo custodito nella Biblioteca Antoniana di Ischia dove è citata un’ode del 1600 di Filippo Sgruttendio, in voga nel beneventano: “a Cecca – invito a vedere la Ntrezzata”; un manoscritto, rinvenuto nella sagrestia della chiesa di San Giovanni Battista a Buonopane, in cui si racconta dell’intervento del Vescovo al fine di dirimere una controversia (che causò anche dei morti) tra gli abitanti della contrada di Buonopane e quelli di Barano. Si racconta che due uomini, Rocc’none di Barano e Giovannone di Buonopane, corteggiavano la stessa donna. Rocc’none era un marinaio e in uno dei suoi viaggi aveva acquistato una fusciacca (o uno scialle, ci sono dei dubbi in merito) per farne dono alla donna amata. Nessun altro possedeva quella fusciacca, così quando l’innamorato tradito vide Giovannone indossarla, lo sfidò a risolvere la faccenda tra uomini presso il ponte che divide i due paesi. Intorno al 1930 fu realizzato il primo costume, inspirato al passato della gente comune, per lo più pescatori. I tessuti erano poveri e per risparmiare la stoffa le maniche delle camicie vennero cucite al panciotto di tela, assicurato da una doppia fila di bottoni; i pantaloni arrivavano sotto le ginocchia, con stringhe allacciate all’estremità e per finire venivano calzati sandali di cuoio. Alla fine degli anni 50 Ischia è soggetta ad una forte attenzione da parte di molti turisti. Tra di essi le famiglie Rizzoli e Malcovati particolarmente interessati al folclore locale. Riconoscendo nella ‘Ndrezzata un valore culturale e un valido intrattenimento, propongono un sodalizio tra le diverse interpretazioni isolane. Dalla Trallera di Fontana importano la sfilata o serenata; dalla Ndrezzata di Campagnano la predica; dalla Intrecciata di Forio i costumi da pescatore; dalla Mascarata di Buonopane la coreografia del ballo. Al costume, che si ispira al tricolore italiano, vengono aggiunti il colletto e la pallina al cappello, sono cuciti in velluto (verde e rosso) e le scarpe in cuoio sono della foggia da cortigiano. Da tradizione folcloristica la ‘Ndrezzata diventa spettacolo con la scuola del Folklore.

Note:

La ‘Ndrezzata è un canto rituale con spade e bastoni originario dell’isola d’Ischia. La leggenda vuole che la ‘Ndrezzata fosse il ballo delle Ninfe sulle note che Apollo produceva da una cetra d’oro. Apollo, pizzicando la cetra, si innamorò della ninfa Coronide, la sposò e da loro nacque Esculapio. Apollo, soddisfatto, conferì allora alla sorgente ischitana “Nitrodi” la proprietà di offrire bellezza e guarigione. Ma Coronide tradì il dio con il fauno Ischis e Apollo per vendetta la gettò in mare. Esculapio, ormai orfano, si vendicò sciogliendo nella fonte un intruglio di erbe che rese litigiosi gli abitanti che alla fonte si dissetavano. Le Ninfe a quel punto decisero di lasciare quel luogo non più idilliaco, ma vollero che la loro danza si continuasse a perpetuare e lasciarono in dono la ‘Ndrezzata agli abitanti di Buonopane, l’antica Murpano, casolare ischitano oggi frazione del comune di Barano. Baranesi e buonopanesi, continuarono ad essere litigiosi, finché un giorno del 1540 fu un nuovo amore a portare alla riconciliazione: un ragazzo di Barano regalò una cintura ad una ragazza di Buonopane, in pegno del loro amore ancora segreto. La cintura fu sfortunatamente persa dalla giovane e rinvenuta da un buonopanese. Scoppiò l’ennesima zuffa che ebbe il culmine sul ponte di Buonopane; ma prevalse il buon senso e i due paesi, stabilirono la pace un lunedì di Pasqua bruciando la disgraziata cintura davanti alla chiesa di San Giovanni e i buonopanesi festeggiarono ballando una ‘Ndrezzata. Ancora oggi si ricorda la fine delle ostilità ogni Pasquetta e per San Giovanni ogni 24 giugno.

Al di là della leggenda, la ‘Ndrezzata ha origini antichissime, e risale all’epoca dei Greci, che per primi abitarono l’isola chiamandola Pitecusa. La presenza delle spade nelle danze che accompagnano il canto richiama infatti gli esercizi, sia di ginnastica che di allenamento alle armi, dei giovani soldati. I bastoni (“mazze”) richiamano un’altra tradizione ischitana, relativamente più recente ma sempre antichissima, di battere i tetti a volta delle case per compattarli e renderli resistenti.

A proposito dell'autore

Redazione Ischia.it Il portale dell'Isola d'Ischia