Ischia Sviluppo Sostenibile Archivi

Una Legge Speciale per le Isole Minori della Campania ed un nuovo Piano Paesistico – Un ruolo di investitore istituzionale della Provincia nelle STU

<!--:it-->Una Legge Speciale per le Isole Minori della Campania ed un nuovo Piano Paesistico – Un ruolo di investitore istituzionale della Provincia nelle STU <!--:-->

“Documento os.i.s. sulla situazione normativo-urbanistica che si e` venuta a creare sull’isola d’ischia, anche a seguito del decreto governativo del 23/4/2010.”

L’ Osservatorio sui fenomeni socio-economici dell’ Isola d’ Ischia – OS.I.S: Onlus, registra con amarezza l’esito negativo, in materia di edilizia, sortito da azioni politiche e di movimenti popolari, confuse e avventate.

Chi ha ritenuto di puntare tutte le carte (per una sanatoria straordinaria che salvaguardasse le costruzioni abusive isolane dagli abbattimenti) sulla incostituzionalità` della mancata estensione del terzo condono alla Regione Campania, e` stato servito dal Governo. Il decreto governativo del 23/4/2010 infatti elimina questa incostituzionalità`, riaprendo il condono (per le prime case) alla Campania, ad eccezione delle zone vincolate e sospendendo gli abbattimenti fino al 30/6/2011. Infatti non e` certo incostituzionale fare distinzione tra zone soggette a vincolo e zone che non lo sono.

Leggi il resto dell’articolo »

La guerra dei Manifesti da Capri ad Ischia passando per Positano

<!--:it-->La guerra dei Manifesti da Capri ad Ischia passando per Positano <!--:-->

C’è una guerra dei Manifesti cioè delle “dichiarazioni solenni”, di quello che si dovrebbe fare nelle più importanti località turistiche della Campania al tempo della nuova globalizzazione, della competizione o concorrenza turistica mondiale, della recessione dell’economia. E’ una guerra del tutto similare a quella che i vari candidati fanno durante le campagne elettorali imbrattando, attraverso i loro attacchini, i muri delle città e dei paesi. Belle parole, grandi slogan, molto fumo poco arrosto.

Anche Capri, l’isola Azzurra, ha il suo Manifesto programmatico. Lo hanno commissionato nientemeno che al Censis, il più importante Istituto di ricerca negli studi sociali, i due Comuni, Capri ed Anacapri, dell’isola Azzurra – cara a Munthe e Malaparte ed a tanti altri intellettuali che hanno creato il Mito di Capri – in collaborazione con 4 associazioni di categoria e con la Fondazione Capri Excelence costituita da facoltosi imprenditori locali con l’obiettivo di realizzare Grandi Eventi.

Leggi il resto dell’articolo »

Il Maturo ed il Marcio

<!--:it-->Il Maturo ed il Marcio<!--:-->

Ho scritto un libro pronto da circa un anno sul “sistema economico-sociale dell’isola d’Ischia: dall’espansione selvaggia (1970-1974) al tempo della globalizzazione (2002-2008) e l’ho titolato: “Ischia, luci e ombre sullo sviluppo”. E’ un lavoro che già nella premessa dico di non saper definire poiché se da un lato è un libro di “memorie” cioè su quel tema ricorrente in tutta la mia attività giornalistica ultratrentennale della speranza della “Pianificazione Territoriale e della Programmazione Economica” anche nella realtà locale dell’isola d’Ischia dall’altro è anche il tentativo di un primo studio sullo sviluppo economico e sociale della nostra isola nell’ultimo trentennio. E’ già pronta la presentazione che mi ha voluto fare l’amico Franco Borgogna. Non è stato possibile pubblicarlo per motivazioni economiche perché non ha trovato un Editore disposto a pubblicarlo né altre sponsorizzazioni imprenditoriali che pur sono state chieste. Non credo che ci sarà occasione di pubblicarlo ma la lunga premessa sulla “funzione economica e sociale dell’Impresa al tempo del ‘68” dalla quale sono partito per il mio racconto e la mia analisi la si può trovare nello spazio “economia” del sito www.tesionline.it. Tuttavia la bozza è stata importante perché siamo partiti proprio da quella per lanciare con Franco Borgogna un “Osservatorio sui fenomeni socio-economici dell’isola d’Ischia” (OS.I.S) che tenterà di applicare l’ammonimento di Luigi Einaudi, che Franco richiama nella presentazione, cioè “per deliberare bisogna conoscere”.

Leggi il resto dell’articolo »

Casamicciola, un Commissario Straordinario per la Terza Rinascita

<!--:it-->Casamicciola, un Commissario Straordinario per la Terza Rinascita<!--:-->


Il Sasso nello stagno

° L’Ufficio Tecnico del Comune non sta monitorando il territorio: è affidato alla Protezione Civile- L’Ufficio Tecnico non ha uno stradario comunale aggiornato: il vigente è del 1928 – Chi doveva effettuare la manutenzione ordinaria delle stradine rurali e degli alvei? Due società “partecipate” per la raccolta rifiuti e per la manutenzione del patrimonio comunale pubblico finanziariamente a carico del Comune – Non è stata avviata la costituzione della Società di Trasformazione Urbana pur annunciata dal sindaco Giosy Ferrandino nel 2002 per la nuova Rinascita con lo slogan: “Casamicciola: all’antica grandezza. Si deve. Si può” – la maggioranza politica del sindaco Vincenzo D’Ambrosio non è quella che l’ha votato – un Comune allo sfascio ed un Paese in ginocchio

Sia la prima Rinascita – dopo il terremoto del 28 luglio 1883 – sia la seconda – dopo l’alluvione del 24 ottobre 1910 di Casamicciola non furono gestite dal Comune. Troppo onerosa era la ricostruzione , troppo piccolo il Comune, troppo inadeguata la macchina amministrativa comunale.

Le due ricostruzioni furono quindi centralizzate.

Leggi il resto dell’articolo »

Casamicciola, un Paese in ginocchio

<!--:it-->Casamicciola, un Paese in ginocchio<!--:-->

° Appello dopo il terremoto del 1883, l’alluvione del 1910, per una “ Terza Rinascita” dopo l’alluvione del 10 novembre 2009

Già nel XVIII secolo Casamicciola, questa ridente “cittadina delle terme” dell’isola d’Ischia, era presente nella guidistica del tempo per la bontà casamicciolaterme-piomontedelle acque termali, per il dolce clima delle sue colline e per “le buone abitazioni e belli casini per comodo di coloro che vogliono servirsi dei bagni” e veniva annoverata “ tra le più ricche stazioni balneari d’Europa”.

L’“ospedale termale” dell’Ente Morale napoletano Pio Monte della Misericordia costruito nel 1604 proprio sulla sorgente minerale del Gurgitello decantata da Julio Jasolino, il medico calabrese del ‘500 che con la sua opera “De Rimedi naturali che sono nell’isola di Pithecusa hoggi detta Ischia” aveva fatto conoscere le capacità terapeutiche delle acque termali, alla fine del ‘700 era al massimo dell’espansione ed aveva determinato la nascita di altri stabilimenti termali e di alberghi.

Agli inizi del XIX secolo Casamicciola era la più nota stazione di cura, soggiorno e turismo dell’isola d’Ischia.

Poi – come se la natura volesse compensare tanta ricchezza endogena e tanta bellezza all’occhio umano – cominciarono i terremoti. Nel XIX secolo Casamicciola fu colpita da ben sei terremoti.

Leggi il resto dell’articolo »

Pagina 1 di 512345
  • Meta